Posto anche qui, ma probabilmente censureranno pure me quelli della Gestapo, in nome della trasparenza e bla bla bla, la mail che ho inviato alla patetica redazione di Kilombo per annunciare il mio sciopero a tempo indeterminato da redattore. In questi mesi ho constatato due cose, purtroppo già da tempo sospettate: sta democrazia produce mostri, e soprattutto le donne che si mettono a fare politica, in qualsiasi forma, è meglio che stiano a casa a badare ai figli. Il progetto Kilombo in realtà si è trasformato in un luogo di burocrati, fedele specchio di questa politica e di questa società in ogni sua parte, è uno scandalo che porti ancora il glorioso nome di "sinistra", chiametevi "aggregatore democratico", è meglio. Un luogo davvero brutto, brrrrrrr... La vicenda è stata generata dalla volontà di censurare la legittimissima difesa della sacra, per la sinistra, non quella di Kilombo naturalmente, libertà di opinione, di scritto, di parola, di pensiero e di ricerca, sancita dalla Costituzione e dalla medesima Carta di Kilombo, testimoniata da alcuni post di Dacia Valent, un mito, prima musulmana che donna, menomale, smack, la quale si è dimessa da Kilombo, vedendolo appunto il luogo che vi ho descritto. Eccovi il testo della mail, e hasta la victoria, siempre:


Probabilmente si è dimessa da Kilombo perchè ha subito un attacco pazzesco di allergia dalla prosa burocratese di Costa. Ribadisco che questa faccenda è vergognosa e tutti i redattori, comprese quelle due macchiette sedicenti di sinistra, si devono vergognare per aver proposto una censura del tutto strumentale, come tutti sappiamo, dato che la odiate la Valent. A questo punto incomincio uno sciopero da redattore per protestare contro la vostra idiozia. Non posterò più nulla, limitandomi a votare no a qualsiasi votazione, qualunque sia.

Lucio.
 
- posted by Lucio at 17:59 | View blog reactions


2 Comments:


At 31/5/07 11:23, Anonymous fenicio 

"le donne che si mettono a fare politica, in qualsiasi forma, è meglio che stiano a casa a badare ai figli."

L'essere di sinistra mi sa che non si accorda mica tanto con questa frase mi sa più di fascio reazionario o volevi dire altro?

fenicio

At 1/6/07 13:32, Anonymous Marquez De Savedra 

Francesco Costa non è immortale, nè tantomeno il padrone di Kilombo, non è nanche un fondatore, è uno come mr che dall'inizio di Kilombo si è impegnato a portare le sue idee nellìagregatore. Idee buone, idee cattive.. opinioni. Ma la lotta di classe dove non esiste una classe è solo un desiderio, nostalgia, ma sterile. Le redazioni, dietro mia proposta, vengono continuamente cambiate, quindi anche Francesco Costa verrà cambiato, questa è la partecipazione democratica. Non ti piace la democrazia? Bene. Allora percheè partecipi ad un aggregatore che si ispira ai principi democratici? Spero che tu non voglia censurare anche questo commento caro conpaesano dei sud del mondo.



Add to Technorati Favorites Locations of visitors to this page