giovedì, settembre 07, 2006
Rewind
Dunque, al principio è stato questo, dedicato ad una vecchia, e ormai spenta, passione. Anche se ci è rimasta quella per la fantascienza, al momento solo assopita. Ci sono disseminate laggiù, oltre, e dentro, ai post prettamente startrekkistici, un sacco di osservazioni filosofiche importanti, che prima o poi bisognerà tirare fuori. E poi poesie, racconti, storie varie, pensieri, cose politiche, immagini, un po' di letteratura, insomma un botto di cose. In realtà la tematica startrekkistica è solo una cornice, e i post da fan sono una sparuta minoranza, ma ci è servità per rendere tutto inserito nella metafora nel viaggio, che non è solo nello spazio, ma ovunque, persino in un'idea. Il viaggio è ovunque, tenetelo bene a mente. Lì comunque ci abbiamo lasciato un pezzo considerevole di anima. Poi è venuto quest'altro, in cui ci siamo messi a raccogliere foto che man mano scattavamo in giro, durante quel viaggio che chiamiamo vita. Dopo tante parole, immagini. Sono belle foto, anche se la qualità tiscaliana è un po' scarsa, ma comunque, su quest'esempio, pensiamo che posteremo solo foto nostre, anche in questo blog. Entrambi sono nati e cresciuti nel nido tiscaliano, che all'epoca si divideva sostanzialmente il monopolio col contrapposto e postmoderno Splinder, del tutto diverso, più o meno come dei bambini ordinati col grembiulino e col fiocco e dei bambini dark e demoniaci. Se domandate in giro, pensiamo che gran parte dei bloggher italiani vi diranno che hanno cominciato nel caldo e sicuro nido di Tiscali. Infine, come tutte le cose, il terzo è quello definitivo, Karletto Marx. Abbiamo deciso infatti di rivolgere tutte le nostre risorse ad un blog totalmente politico, ispirato e dedicato con tutto se stesso al comunismo. Perchè qui si respira aria di guerra, proprio letteralmente, e nessuno è più capace in lei, la divina, merdosa, guerra, di noi comunisti. In esso però non mancheranno di confluire tutte le evoluzioni, le esperienze, i percorsi, le tesi e le antitesi dei suoi due precedenti momenti, così come nello Spirito assoluto confluirono, come due fiumi nel mare, Idea e Natura.


Un cartello visto in un parco in quel di Patrasso. Quando l'abbiamo visto, ci siamo chiesti: quello che l'ha scritto, sarà poi riuscito a conquistare questa Elena che amava così tanto? O l'aveva già? E poi, non è possibile che si tratti proprio di quella Elena, quella di Troia?
 
Add to Technorati Favorites Locations of visitors to this page